domenica 10 ottobre 2010

Paolo Mazzullo RIP

E' morto Paolo Mazzullo. E' stato tra i DJ fondatori ed era il capo, padre padrone, di Radio Rock. A 53 anni. E' successo nei gironi scorsi, credo il 6 ottobre scorso. Radio Rock è stata una radio assolutamente diversa dalle altre radio "libere" fin dalla sua nasciata a metà anni '80. E lo è tutt'ora, sebbene ci siano stati dei cambiamenti direi fisiologici. Daltronde in quasi trent'anni di storia è inevitabile che qualcosa cambi. Eppure RR è rimasta comunque qualcosa di unico nell'etere romano e forse nazionale. Nel tempo sono scomparse alcune voci storiche della radio, probabilmente in qualche caso non sempre sostituite da dj degni dei predecessori. In altri casi l'arrivo di nuovi conduttori ha portato nuova linfa alla radio, tra tutti sicuramente lo spazio mattutino di Emilio Pappagallo. In ogni caso Paolo Mazzullo ha avuto il merito di saper far crescere una radio diversa da tutto quello che si può trovare normalmente in FM. E' stato spesso criticato per l'impronta qualunquista data alla radio, certo è che spesso quando si prende un microfono in mano alla radio si rischia di straparlare. Di sicuro la radio è stata capace di organizzare una grande raccolta di solidarietà in occasione del terremoto dell'Aquila che poco a che fare con il qualunquismo e molto con la capacità di fare e di agire nel concreto. 
Tra quelli che lo conoscevano bene c'è chi dice che Paolo Mazzullo aveva un caratteraccio. Ne fa una bella  (senza troppi fronzoli) descrizione Boris Sollazzo .   

Qualche tempo fa su segnalazione di un amico mi sono imbattutto in radiorock the original, una pod radio nata sulle ceneri delle diatribe tra i fondatori di radio rock. Djs storici di Radio Rock hanno accusato Paolo Mazzullo di averli fatti fuori dalla radio. Di sicuro negli anni la radio è cambiata, ma come ho già scritto era inevitabile che accadesse. Ma cambiare non significa omologazione, e credo che ci sia ancora molta differenza tra Radio Rock e dimensione suono o radio dj o qualsiasi altra radio che passa  playlist preconfezionate dalle case discografiche.

Non seguivo molto Mazzullo come DJ, però gli sono grato per il prodotto RADIO ROCK, che sebbene possa essere ancora perfettibile (qualsiasi cosa umana lo è), rappresenta la radio che ascolto maggiormente. Insieme a radio24, retesport, radio città futura. 
Un saluto Mazzullo...


2 commenti:

Anonimo ha detto...

naturalmente dispiace, e molto. Ma si è comportato male con troppi e questo è il ricordo dei più, poi naturalmente molti meriti che gli vanno riconosciuti. Ma a differenza di chi è stato onesto, umile e vero, nel (purtroppo) dopo, se ne parla davvero poco, ripeto, purtroppo.

calamar ha detto...

Caro Anonimo da come scrivi forse devi averlo conosciuto bene...